Il libro

Attention: open in a new window. Print

Simboli geometrici e astronomici dell'antico Egitto

Dalla piramide di Cheope all'esodo degli ebrei dalla terra dei faraoni

 Contatta l'autore! This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Editore: KAPPA
Pubblicazione: 01/2007
Numero di pagine: 192
ISBN-13: 9788878908611
ISBN:88789086114


Cosa hanno in comune il ciclo del sole, della luna e delle stelle più luminose del firmamento con le Piramidi della IV dinastia? Perché furono costruite nell’esatto luogo in cui si trovano? La risposta si nasconde nella cronologia dell’Antico Regno. Infatti, associando le loro dimensioni alla posizione del sorgere del sole all’alba dei solstizi, è possibile risalire, attraverso calcoli quanto mai semplici, agli eventi più importanti della Storia Egiziana, che vanno dalla fondazione della Nazione (3100 a.C.) fino alla data dell’incoronazione dei faraoni Snefru, Cheope, Chefren e Micerino. Al fine di verificare il criterio adottato è stata estesa l’indagine all’evento biblico più importante dopo la Creazione del mondo. L’esito non potrebbe essere più sorprendente. E’ stata rintracciata la data dell’Esodo dei Figli d’Israele dall’Egitto, ritenuto da alcuni storici una leggenda concepita per nobilitare le origini del Popolo Eletto. L’ipotesi è interessante, in quanto la data di tali avvenimenti coincidono sostanzialmente con la cronologia accettata dai più accreditati egittologi, primo tra tutti Sir Alan Gardiner, ben noto negli ambienti accademici. Ma le sorprese non sono solo queste. E’ stato individuato nell’interno della Grande Piramide di Cheope la più antica e grandiosa rappresentazione della quadratura del cerchio, la cui metamorfosi insita nelle due figure geometriche coinvolte, era il presumibile simbolo dei faraoni, divinizzati dall’atto della loro incoronazione.

 

Per le numerose coincidenze cronologiche rintracciate attraverso il medesimo sistema adottato, è possibile sostenere che le Piramidi della IV non furono il frutto della mentalità megalomane dei sovrani che le realizzarono, bensì documenti scientifici pietrificati che si rendono tuttora comprensibili attra-verso il linguaggio dei simboli geometrici ed astronomici in seguito descritti.